Comune di Reggio, presentato il ricorso

A distanza di due mesi esatti da quando si ebbe notizia ufficiale dello scioglimento del Comune di Reggio Calabria peareniusr contiguità mafiose, il Pdl ha reso noto – 9 dicembre 2012 – d’aver formalizzato la presentazione del ricorso contro lo scioglimento dell’Ente. 

Sarà il caso di ricordare che, dopo il “famoso” invito pubblico a Palazzo Campanella in sede di conferenza stampa da parte del (fin qui) ex sindaco reggino Demy Arena, neanche “da destra” si sono levate le ipotizzate centinaia o migliaia di voci di politici, società civile, semplici cittadini a invocare il ricorso (mentre invece tante sono state le puntualizzazioni su imprecisioni più o meno significative contenute nella relazione stilata dalla Commissione d’accesso).

Ma c’è un quesito ancor più stringente, direi: chi paga?

….Vale a dire: chi pagherà gli oneri del ricorso al Tar, in caso i giudici amministrativo lo valutino a tempo debito infondato? Pagherà il Popolo della libertà? E se pagherà il Popolo della

pdl il logo

libertà, ammesso che fra “x” giorni si chiami ancora così, “quale” Pdl pagherà: quello reggino?, quello calabrese?, quello romano (nazionale)? O ad allentare i cordoni della borsa dovranno essere singoli proponenti? E se sì, quali? Oppure, ulteriore ipotesi (non meno realistica, però), gli oneri spetteranno ai ricorrenti, ma …solo in caso il ricorso non venga accolto?!

E, d’altra parte: chi pagherà per i danni di un’ipotetica ulteriore inversione di marcia, in caso d’accoglimento del ricorso? Da un lato: chi pagherà gli eventuali danni d’immagine a società, singoli cittadini, ex amministratori? E chi, invece, rifonderà la collettività per il danno d’essere passata nel giro di pochi mesi dalla gestione ordinaria a quella commissariale e poi nuovamente a quella ordinaria, con tutte le conseguenze del caso in termini di atti & C.?

Soprattutto: il “modello” giusto era il ritenuto megaspreco che – «contiguità mafiose» o meno – la Corte dei conti ha quantificato in quasi 700 milioni di euro anziché l’estremo rigore fortemente voluto dalla commissione Panico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.