1° luglio: mobilitazione generale contro la “legge bavaglio”

Amici, è un momento topico nella storia (e forse nella Storia) del nostro Paese. Il “ddl Alfano”, meglio noto come legge-bavaglio, tende a mettere la museruola ai giornalisti poco “allineati”, rende la vita impossibile ai media, grava di rischi gli editori. Non è possibile farlo passare nel silenzio generale.

E’ per questo che oggi a  Roma (in piazza Navona) si estrinsecherà quella voglia di ribellarsi al “bavaglio” mediatico imposto legislativamente che accomuna la stragrande maggioranza della comunità giornalistica alla stragrande maggioranza dell’opinione pubblica e della cittadinanza italiana. A Monselice si terrà una “notte di veglia”. In altri luoghi del Paese ci saranno mobilitazione e ulteriori iniziative, così come contro la “legge bavaglio” ci si schiera pure in remoto, dietro un televisore (per seguire la diretta su Sky, Rainews24 e YouDem), sul web (attraverso la “maratona” on-line).

Fermo restando che le energie debbono essere un po’ preservate per il 9 luglio, data per la quale è confermatissimo il “black-out informativo” generale nazionale….

….è il momento di dire “no”, lontanissimi da ogni strumentalizzazione di carattere politico (non c’interessa e lo ripudiamo!!), sempre  e soltanto per perseguire quello che disse all’epoca il presidente Carlo Azeglio Ciampi: chi opera nell’informazione deve, più che altro, badare a tenere <la schiena dritta>.

0 pensieri riguardo “1° luglio: mobilitazione generale contro la “legge bavaglio”

  • 2 Luglio 2010 in 10:24
    Permalink

    Sulla Legge Bavaglio si è espresso anche Tom Mockridge, L’AD di Sky Italia
    Dicendo: “E’ una legge sbagliata e noi ci batteremo contro con qualunque mezzo e sistema e se Carelli andrà in carcere sono pronto ad andarci con lui”

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.